Asl Roma G

Cosa stai cercando?

Cerca nelle FAQ
GoogleSiteSearch
Categorie
Contatti
Contenuti
Newsfeeds
Link web
Moduli

Gio21082014

DIMENSIONE DEL TESTO

PROFILO

DIREZIONE DEL TESTO

STILE DEI MENU

MIO SITO
Back Sei qui: Home Azienda e Strutture Strutture Farmacovigilanza Faq Farmacovigilanza

Faq Farmacovigilanza

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 


imgIn questa pagina potete trovare le domande poste frequentemente agli Uffici URP centrali e periferici, ai diversi servizi della nostra azienda e, naturalmente, quelle inoltrate in modo ricorrente via email.
Inoltre, qualora non troviate le risposte che cercate, potrete formulare e inoltrare direttamente la vostra domanda dalla pagina in cui vi trovate. La relativa risposta verrà inserita in breve tempo tra le FAQ presenti nella sezione. In fondo ad ogni risposta potete esprimere il Vs parere cliccando sulle iconette "Mi piace" e "Non mi piace", per aiutarci a migliorare la congruità delle risposte fornite.





  • Qual è lo scopo della Farmacovigilanza?

    Giovedì, 28 Marzo 2013  admin

    La farmacovigilanza riveste particolare rilievo, in quanto è una fonte privilegiata di approfondimento delle conoscenze farmacologiche finalizzata a garantire la tutela della salute pubblica. Il suo scopo principale è quello di identificare la presenza di effetti collaterali attribuibili ai farmaci non rilevabili nelle sperimentazioni cliniche che servono per l’immissione in commercio. Infatti, negli studi clinici, il campione di pazienti è limitato, i tempi di osservazione sono ridotti, le condizioni d’uso sono condizionate dalle esigenze della sperimentazione. L’uso comune dei farmaci presenta caratteristiche profondamente diverse dal loro impiego sperimentale.

    Hits:  37
  • Qual è la rilevanza clinica delle reazioni avverse?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin

    In Italia, dal 5 al 7% dei ricoveri, è dovuto a reazioni avverse a farmaci (ADR) e questa percentuale cresce con l’aumentare dell’età e l’aumento del numero dei farmaci assunti. Durante il ricovero in ospedale il 5% dei ricoverati lamenta un evento avverso che prolunga l’ospedalizzazione. Inoltre le ADR sono al quinto posto tra le cause di morte in ospedale.

    Hits:  30
  • Le reazioni avverse hanno una rilevanza economica?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin

    L’impatto economico del trattamento delle ADR costituisce un aspetto rilevante nel campo della farmacoeconomia. La conoscenza delle reazioni avverse può aiutare a ridurre le spese legate al loro trattamento.

    Hits:  27
  • Chi deve segnalare le sospette reazioni avverse da farmaci?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin

    Nel comma 2 e nel comma 4 dell’art. 132 deI Decreto Legislativo n. 219 del 24 aprile 2006 (Attuazione della direttiva 2001/83/CE e successive direttive di modifica relativa ad un codice comunitario concernente i medicinali per uso umano, nonché della direttiva 2003/94/CE) è chiaramente riportato chi deve segnalare le sospette reazioni avverse i tempi e la modalità di trasmissione:

    Art. 132 comma 2I medici e gli altri operatori sanitari sono tenuti a segnalare tutte le sospette reazioni  di cui vengono a conoscenza nell'ambito della propria attività. Vanno inoltre segnalate tutte le sospette reazioni avverse osservate, gravi, non gravi, attese ed inattese da tutti i vaccini e dai medicinali posti sotto monitoraggio addizionale ed inclusi in elenchi pubblicati periodicamente dall'AIFA.

    Art. 132 comma 4: I medici e gli altri operatori sanitari devono trasmettere le segnalazioni di sospette reazioni avverse, tramite l'apposita scheda, tempestivamente, al responsabile di farmacovigilanza della struttura sanitaria di appartenenza. I medici e gli altri operatori sanitari operanti in strutture sanitarie private devono trasmettere le segnalazioni di sospette reazioni avverse, tramite l'apposita scheda, tempestivamente, al responsabile di farmacovigilanza della ASL competente per territorio, direttamente o, qualora prevista, tramite la Direzione sanitaria. I responsabili di farmacovigilanza provvedono, previa verifica della completezza e della congruità dei dati, all'inserimento della segnalazione, entro e non oltre sette giorni dalla data del ricevimento della stessa, nella banca dati della rete di farmacovigilanza nazionale e alla verifica dell'effettivo inoltro del messaggio, relativo all'inserimento, alla regione ed alla azienda farmaceutica interessata. In caso di impossibilità di trasmissione del messaggio, le strutture sanitarie invieranno ai destinatari, che non è stato possibile raggiungere per via telematica, copia della segnalazione riportante il codice numerico rilasciato dal sistema. I responsabili di farmacovigilanza agevolano la ricerca attiva da parte dei responsabili del servizio di farmacovigilanza delle aziende farmaceutiche di informazioni aggiuntive sulle segnalazioni.

    Hits:  21
  • E’ possibile inoltrare la scheda di segnalazione per posta elettronica o Fax?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin

    Si, può essere compilato il modello online della scheda, firmato ed inviato al responsabile di farmacovigilanza della propria struttura tramite email o Fax.

    Hits:  22
  • Come è possibile essere sicuri che un effetto collaterale possa essere collegato all’uso di un farmaco?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin

    In termini assoluti, non è mai possibile definire con certezza assoluta la “responsabilità” del farmaco in questione. E’ possibile, però, utilizzare alcuni strumenti per definire, con la maggiore attendibilità possibile, il nesso di causalità. Inoltre l’insieme delle reazioni simili, segnalate a livello internazionale a carico di una molecola o di una classe, può dare una forte indicazione sulla responsabilità di un farmaco.

    Hits:  16
  • Tutti i farmaci sono quindi pericolosi?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin

    E’ necessario non demonizzare i farmaci pensando che sia pericoloso assumerli, è invece importante prestare il massimo dell’attenzione agli eventuali effetti avversi segnalandoli tempestivamente al medico o al farmacista.

    Hits:  16
  • Perché un farmaco viene autorizzato se non si conoscono tutti gli effetti collaterali?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin

    Purtroppo non è possibile, in tempi accettabili, sperimentare un farmaco fino a conoscerne tutti gli effetti: questo ritarderebbe troppo l’immissione in commercio di medicine utili. E’ quindi giocoforza segnalare a posteriori l’evenienza di razioni avverse.

    Hits:  8
  • Dove si possono ottenere informazioni sugli effetti collaterali dei farmaci? (Medico)

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin

    Si possono trovare informazioni sul sito AIFA, che pubblica anche la rivista Reazioni e il Bollettino d’informazione sui farmaci. Esistono poi pubblicazioni indipendenti specializzate sull’argomento (Dialogo sui farmaci, Pharmanews, Focus…). Un’altra notevole fonte di informazioni è il sito goodwww.farmacovigilanza.org

    Hits:  12
  • Dove si possono ottenere informazioni sugli effetti collaterali dei farmaci? (Paziente)

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin
    Tutti i farmaci sono accompagnati da un foglio illustrativo che ogni paziente dovrebbe leggere ed eventualmente discutere con il proprio medico. In ogni caso, se esistono dubbi, è bene consultare il medico o il farmacista.
    Hits:  14
  • Come viene garantito la riservatezza dei dati del paziente?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin
    Nella scheda di segnalazione compaiono solo le iniziali del paziente. Solo il medico segnalatore è in grado di collegare la propria segnalazione al nome del soggetto. D’altra parte, il medico non è tenuto a comunicare al paziente la propria segnalazione.
    Hits:  14
  • Come viene garantito la riservatezza dei dati del medico?

    Venerdì, 29 Marzo 2013  admin
    I dati del medico segnalatore vengono trasmessi d’ufficio, e sono coperti dall’obbligo di riservatezza. Soltanto i responsabili aziendali della farmacovigilanza possono essere gli intermediari tra il segnalatore e la ditta produttrice del farmaco oggetto della segnalazione per fornire a quest’ultima eventuali informazioni aggiuntive.
    Hits:  12