Asl Roma G

Cosa stai cercando?

Cerca nelle FAQ
GoogleSiteSearch
Categorie
Contatti
Contenuti
Newsfeeds
Link web
Moduli

Gio23102014

DIMENSIONE DEL TESTO

PROFILO

DIREZIONE DEL TESTO

STILE DEI MENU

MIO SITO
Back Sei qui: Home NEWS Sezioni News Farmacovigilanza

News Farmacovigilanza

Comunicazione EMA su Valdoxan/Thymanax

imgL’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha completato la revisione del farmaco antidepressivo Valdoxan/Thymanax e ha concluso che i suoi benefici continuano a superare i rischi.

Comunque, l’Agenzia ha raccomandato che debbano essere introdotte ulteriori misure per minimizzare i rischi di tossicità epatica.
Valdoxan e Thymanax sono due farmaci identici utilizzati per trattare la depressione maggiore negli adulti.

In allegato la Comunicazione EMA:

http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/IT_Valdoxan_Thymanax%20(agomelatine).pdf

Comunicato stampa EMA sui trattamenti per Ebola

imgL’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha avviato una revisione delle informazioni disponibili sui trattamenti per Ebola attualmente in fase di sviluppo. Lo scopo è di fornire una visione dell’attuale stato di conoscenza sui vari medicinali sperimentali per supportare il processo decisionale delle autorità sanitarie.
L’Agenzia ha istituito un gruppo di esperti europei specializzati in vaccini, malattie infettive e disegno di studi clinici per contribuire ad una risposta globale contro Ebola. Il gruppo ha proattivamente contattato, nelle recenti settimane,  chi sta sviluppando potenziali trattamenti per l’uso in pazienti.

Leggere il Comunicato stampa EMA in allegato:

http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/revisione_ebola-IT.pdf

Nota Informativa Importante su Aceclofenac

imgL'Agenzia Italiana del Farmaco rende disponibili nuove e importanti informazioni sul rischio cardiovascolare di aceclofenac simile a quello di diclofenac e degli inibitori selettivi della COX-2.

Aceclofenac  è ora controindicato in pazienti con:

  • cardiopatia ischemica;
  • arteriopatia periferica;
  • malattie cerebrovascolari; o
  • insufficienza cardiaca congestizia di grado II-IV (Classificazione New York Heart Association  - NYHA).

I pazienti con dette patologie dovrebbero essere avviati ad un trattamento alternativo in occasione della prossima visita  di controllo 

Il trattamento con aceclofenac deve essere iniziato solo dopo un’attenta valutazione nei pazienti con:

  • insufficienza cardiaca congestizia di grado I (Classificazione New York Heart Association  - NYHA)
  • fattori di rischio significativi per eventi cardiovascolari
  • storia di emorragie cerebrovascolari.

In allegato la Nota Informativa Importante:

http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/DHPC_aceclofenac_italian_version_AIFA_final_1.pdf

 

Screening

Screening
I programmi rivolti alle donne...