Asl Roma G

Cosa stai cercando?

Cerca nelle FAQ
GoogleSiteSearch
Categorie
Contatti
Contenuti
Newsfeeds
Link web
Moduli

Mer17092014

DIMENSIONE DEL TESTO

PROFILO

DIREZIONE DEL TESTO

STILE DEI MENU

MIO SITO
Back Sei qui: Home NEWS Sezioni News Apicoltura

News Apicoltura

Apicoltura


Aggiornamenti e link in tema di Apicoltura


Modifica autorizzazione immissione in commercio del medicinale veterinario "Apivar 500mg

imgSulla G.U. serie generale n.75 del 29.03.2013 è stata pubblicata una modifica dell'autorizzazione all'immissione in commercio del medicinale veterinario "Apivar 500mg." in striscie per alveare per api.
Modifica del regime dispensazione: 
da: ricetta medico veterinaria in copia unica non ripetibile
a: medicinale veterinario senza obbligo di ricetta medico veterinaria.

LEGGI TUTTO

 

Monitoraggio ambientale per la presenza di idrocarburi policiclici aromatici attraverso l’utilizzo dell’ape domestica

IMGL’inquinamento ambientale e le emergenze relazionate alla cattiva gestione del territorio negli ultimi anni hanno suscitato una forte preoccupazione nell’opinione pubblica. Nell’atmosfera ritroviamo una notevole quantità di composti più o meno tossici, che poi si vanno a depositare nel suolo, nell’acqua e quindi negli organismi viventi e nei prodotti che compongono le filiere alimentari. Il contatto prolungato con questi composti o l’assunzione anche a piccole dosi può creare una serie di danni nell’uomo e per questo motivo che rappresenta un pericolo per la salute umana.

In questo scenario, le indagini tossicologiche che comprendono tutta la filiera agro- alimentare, sono di fondamentale importanza per la tutela della salute. Tra i compiti delle ASL c’è quello di monitorare la situazione dell’inquinamento; il territorio della ASL Roma G è caratterizzato da una notevole variabilità orografica per la presenza di zone montane, collinari e pianeggianti.

Per tutti i presupposti analizzati e per i dati ottenuti, l’ape si è rilevato un ottimo bioindicatore, a basso costo, per la ricerca di contaminanti ambientali quali gli IPA, essendoci aree diverse l’una dall’altra, con grandi città e piccolissimi comuni, ma anche vaste zone agricole ed importanti poli industriali. Utilizzare i metodi d’indagine tradizionali può risultare molto costoso, considerando l’alto numero di campioni necessari per avere una quantità rappresentativa della popolazione in studio, sia di persone, di animali o di matrici ambientali quali aria e suolo. Per superare questo problema, uno dei metodi più usati e quello di monitorare i contaminanti in maniera indiretta usando bioindicatori, che rappresentano uno strumento per estrarre informazioni di un ecosistema in forma attendibile [leggi tutto]

Salute delle api, “Inquietanti” le conclusioni dell’Efsa

imgLa Commissione europea definisce per la prima volta ''inquietanti'', anche se non ancora complete, le conclusioni scientifiche dell'Efsa.
Secondo l'Autorita' europea per la sicurezza alimentare (Efsa) i residui di alcuni pesticidi, noti come neonicotinoidi, potrebbero rappresentare un rischio elevato per le api. Inoltre, Bruxelles intende portare la questione il prossimo 31 gennaio all'esame del Comitato permanente della sicurezza alimentare dove sono presenti i rappresentanti dei 27 Stati membri.
Nulla al momento e' definito, ma Frederic Vincent, portavoce del commissario alla salute Tonio Borg tiene a precisare che Bruxelles e' pronta a ''prendere le decisioni necessarie'' se dall'esame del rapporto dell'Efsa e dagli studi realizzati emerge che c'e' un reale problema con i pesticidi in questione. Anche perche', di fronte al fenomeno della moria delle api, che sarebbe passata in una quindicina d'anni dal 5% al 30%, e dallo smembramento di intere colonie, gli Stati membri e in primis l'Italia, hanno gia' introdotto misure nazionali. Nell'immediato - ha spiegato Vincent - la Commissione Ue scrivera' alle societa' produttrici, Syngenta e Bayer, che avranno fino al 25 gennaio per reagire al parere dell'Efsa.

Il rapporto dell'Efsa punta il dito sull'impatto dell'uso di alcuni pesticidi come il thiamethoxam, clothianidin e imidacloprid a seconda delle produzioni: nella colza, e' stata individuata la presenza di residui a rischio nel polline e nel nettare, mentre per il mais il problema della contaminazione e' legato alla polvere che si alza al momento della raccolta e alle gocce che si formano sulle piante su cui si posano le api.

In Italia, il Ministero della Salute ha confermato - a giugno del 2012- la sospensione dei neonicotinoidi per la concia del mais. Il  Ministro Renato Balduzzi commentava così la proroga di 7 mesi del divieto:  "Su una tematica così delicata è opportuno assumere decisioni armonizzate a livello comunitario e ispirate alla massima attenzione e cautela per tutelare l'importante patrimonio apistico e la rilevante coltura del mais. E' bene che prevalga il principio di precauzione e mantenere il provvedimento di sospensione in attesa delle valutazioni conclusive dell'EFSA".
Il decreto (Proroga della sospensione cautelativa dell'autorizzazione all'impiego di sementi trattate con prodotti fitosanitari contenenti le sostanze attive clothianidin, thiamethoxam, imidacloprid e fipronil, di cui al decreto 25 ottobre 2011 -G.U. Serie Generale, n. 151 del 30 giugno 2012) scadrà il 31 gennaio 2013