Asl Roma G

Cosa stai cercando?

Cerca nelle FAQ
GoogleSiteSearch
Categorie
Contatti
Contenuti
Newsfeeds
Link web
Moduli

Ven24102014

DIMENSIONE DEL TESTO

PROFILO

DIREZIONE DEL TESTO

STILE DEI MENU

MIO SITO
Back Sei qui: Home NEWS Sezioni News Medicina dello Sport

News Med. Sport

Nuova sede Medicina dello Sport Distretto Guidonia

imgSi comunica che dal giorno lunedì 31/03/2014 l’ambulatorio di Medicina dello Sport si trasferirà presso la nuova sede del Distretto Sanitario di Guidonia sita in via dei Castagni n. 20 – 22 con ingresso pedonale in via dei Pioppi n. 20. 

Il Distretto è situato di fronte al Centro Commerciale “Tiburtino”, all’interno del quale è posto un parcheggio riservato alla ASL, peraltro ben segnalato con appositi cartelli.
L’ambulatorio è situato al piano terra, nella stanza n. 4.
Per raggiungere il Distretto Sanitario è consigliabile seguire le indicazioni per il Centro Commerciale, fino ad imboccare via dei Castagni.
Per ogni ulteriore informazione circa le attività della Medicina dello Sport è sempre possibile chiamare il numero 335.521 4496.


img
 

È nata l’”AMeSPI” Associazione Medici dello Sport Pubblici Italiani

imgPer molti la notizia può lasciare del tutto indifferenti, ma non per chi per gran parte della sua vita ha dedicato tempo ed energie alla propria attività professionale raccogliendo con entusiasmo spesso soddisfazioni, ma anche frustranti delusioni.

Il 26 maggio a Perugia, insieme con il sottoscritto, si erano incontrati numerosi Medici dello Sport che operano presso strutture pubbliche al fine di costituire un’associazione che convogliasse gli interessi e le motivazioni dei medici che, a vari livelli, prestano la loro opera presso i servizi dei Medicina dello Sport del Servizio Sanitario Nazionale.

Il 6 ottobre, sempre in quel di Perugia, è stato approvato lo statuto dell’associazione e sono stati eletti gli organi dell’”AMeSPI”:

presidente il dott. Antonino Scavelli, vicepresidenti la dott.ssa Donatella Noventa, il dott. Luigi Repace e il dott. Giuseppe Barbati; sono inoltre stati eletti i coordinatori regionali ed il sottoscritto dott. Pozzilli è stato nominato coordinatore regionale per il Lazio.

Sono stati costituiti inoltre gruppi di lavoro sia per proporre una nuova legge nazionale sulla Medicina dello Sport, sia per proporre un nomenclatore nazionale riguardante le prestazioni e le attività della Medicina dello Sport .

Benché le realtà regionali siano estremamente diverse (si va da Unità Operative Complesse di elevatissimo livello con numeroso personale dedicato, a semplici Servizi con un solo medico ed attrezzature ridotte all’essenziale), l’entusiasmo che ha animato tutti i partecipanti (peraltro provenienti da tutta l’Italia, con nutrita rappresentanza di tutte le regioni, dal Nord all’estremo Sud), e la concordanza di interessi che si è manifestata nel corso degl’incontri fanno ben sperare nell’ottima riuscita delle iniziative che prossimamente verranno promosse dalla neonata Associazione.

A titolo informativo elenco qui di seguito gli obiettivi e le finalità statutarie dell’Associazione:

  •     Aggregare e rappresentare i Medici dello Sport che operano nel pubblico (SSN)
  •     Garantire l'integrità della Medicina dello Sport come disciplina scientifica
  •      Promuovere iniziative volte al miglioramento continuo della qualità delle prestazioni di Medicina dello Sport ed al raggiungimento di uniformi livelli di assistenza. In quest'ambito si promuoverà il miglioramento continuo delle specifiche competenze medico sportive valorizzando la professionalità dei Medici dello Sport pubblici ed il loro ruolo determinante nel “sistema salute” del Paese. L'Associazione provvederà all'elaborazione di proposte di organizzazione dell'offerta medico sportiva a livello nazionale e regionale, ivi comprese le eventuali modifiche da apportare al funzionamento delle Aziende del SSN relative all'assetto istituzionale, al governo strategico delle stesse aziende e all'organizzazione sanitaria del Paese.
  •     Collaborare, organizzare e promuovere cooperazioni, iniziative comuni e ricerche scientifiche con il Ministero della Salute, Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, Ministero dello Sport, Regioni e Aziende Sanitarie, organismi ed istituzioni pubbliche e con altri enti e associazioni nazionali ed internazionali che abbiano fini in armonia con quelli dell'Associazione.
  •      Promuovere e salvaguardare la salute di coloro i quali in qualsiasi età intendono praticare o praticano attività sportive ai vari livelli, dal ludico all'agonistico, nella integrità della loro persona fisica, psichica e sociale, stimolando l'innovazione e il miglioramento continuo della qualità dell'offerta di Medicina dello Sport per mezzo della ricerca clinica, epidemiologica, scientifica ed il progresso tecnologico di tutte le strutture e le attività di Medicina dello Sport pubbliche che operano in Italia nell'ambito del SSN anche in collaborazione con le Società Scientifiche.

In qualità di Coordinatore Regionale per il Lazio, mi adopererò fattivamente per coinvolgere un numero sempre maggiore di colleghi nelle attività dell’associazione e per far sì chela Medicinadello Sport possa avere sempre di più quella dignità e quell’importanza che purtroppo non sempre le viene riconosciuta.

    

 

Dott. Pietro Pozzilli

Responsabile U.O.S. Medicina dello Sport

Distretto Sperimentale di Guidonia

 

 

 

 

                                       

 

Lo Sport del Doping - Evento presentazione del libro di Alessandro Donati

imgIl 5 aprile si è svolta, presso l’aula magna del Distretto di Guidonia, la presentazione del libro “Lo sport del doping” di Alessandro Donati.

All’incontro hanno assistito numerose persone, tra atleti, allenatori, insegnanti di Educazione Fisica, medici, infermieri, ma anche soggetti che nulla avevano a che fare con lo sport, ma comunque interessati all’argomento doping.

Per tutti è stato appassionante il confronto tra il giornalista che ha condotto il dibattito, Valerio Piccioni, l’autore del libro Alessandro Donati, il medico dello sport e nutrizionista Michelangelo Giampietro, il responsabile della sezione sport di “Libera” Roberto De Benedittis: ciascuno per la sua parte, hanno testimoniato eventi sconcertanti sul fenomeno doping, spesso inimmaginabili, che hanno coinvolto atleti di elevato livello, ma anche dirigenti, medici, allenatori che purtroppo spesso ancora oggi dominano la scena dello sport nazionale ed internazionale.

Michelangelo Giampietro aveva affermato recentemente che almeno una volta nella vita sarebbe utile incontrare Alessandro Donati: ho avuto la fortuna, organizzando l’evento, di avere questo privilegio e posso non solo confermare l’esattezza di quella affermazione, ma anche testimoniare il desiderio che nasce poi di rinnovare più volte questo incontro.

L’affabilità di Donati, la sua enorme esperienza e cultura, la conoscenza approfondita di fenomeni tanto gravi e ancora attuali, il desiderio generoso di condividere le sue emozioni e il suo sapere con tutti, lo rendono un personaggio di eccezionale spessore che sarebbe necessario sempre più spesso incontrare.

Le circa due ore della presentazione del libro sono trascorse tra il notevole interesse dei presenti con la puntuale, precisa ed estremamente documentata conduzione di Valerio Piccioni, l’intensa, talvolta quasi incredibile, testimonianza, di Alessandro Donati, frutto di una ricca preparazione culturale e di una continua ricerca, il contributo generoso sull’argomento di Michelangelo Giampietro, per lungo tempo coinvolto nella commissione antidoping, la partecipazione e l’appoggio di “Libera” alla battaglia contro il drammatico fenomeno attestati  da Roberto De Benedittis.

Peccato che molti di coloro che avevano assicurato la loro partecipazione non abbiano potuto o voluto essere presenti, poiché hanno perduto una preziosissima occasione: tutti dovremmo interessarci al problema doping, i genitori di ragazzi che praticano attività sportive, insegnanti e allenatori che dei giovani hanno notevoli responsabilità, coloro che seguono sui media lo sport, amatori che praticano attività fisiche di ogni tipo, tutti dovrebbero conoscere i rischi che si corrono e sapere che i risultati sportivi cui spesso tanto ci si appassiona raramente sono frutto esclusivamente di allenamenti duri e faticosi !

A me non resta che ringraziare la dottoressa Stefania Salvati, direttrice del Distretto di Guidonia, per il suo appoggio all’iniziativa e per la sua partecipazione come sempre attiva all’evento, che spero possa rappresentare il punto di partenza per futuri nuovi incontri per approfondire ulteriormente l’argomento.

 

Dott. Pietro Pozzilli

Responsabile U.O.S.  Medicina dello Sport

ASL RM/G


GUARDA LE FOTO 

GUARDA IL VIDEO